Che cos’è l’olio di CBD? Utilizzo, benefici e metodologie

Senza dubbio l’olio di CBD è uno dei prodotti derivati dalla cannabis ad alta concentrazione di Cannabidiolo più venduti nel mondo. Il motivo? Il CBD ha davvero tantissime applicazioni e assumerlo sotto forma di olio concentrato è comodo e sicuro. Ecco cosa c’è da sapere sull’Olio di CBD prima di provarlo (qui invece trovate una guida su come assumerlo e utilizzarlo).

Usi, benefici e metodologie di estrazione dell’olio di CBD

Che cos’è l’olio di CBD? Per capirlo partiamo dal principio: CBD è la sigla che sta per Cannabidiolo, uno degli oltre 60 cannabinoidi che possono essere estratti dalla pianta di cannabis e, insieme al THC (parte psicoattiva della cannabis), quello più rilevante e ricercato nelle infiorescenze. I cannabinoidi di base sono composti organici insolubili in acqua e a temperatura ambiente quindi per mantenerne intatte le potenzialità benefiche (che verrebbero parzialmente alterate da manipolazioni termiche e chimiche particolari) viene solitamente proposto diluito in olio, per avere un prodotto efficace, puro e facile da dosare.

Usi e benefici del CBD

Il CBD è famoso per la sua capacità di attivare e stimolare le risposte del sistema nervoso all’interno dell’organismo interagendo con i recettori degli endocannabinoidi presenti naturalmente nel corpo e migliorando moltissime funzionalità corporee. Le ricerche sul questo composto indicano che potenzialmente il Cannabidiolo può interagire con tutti gli organi del corpo e apportare miglioramenti al funzionamento interno grazie alle sue doti di naturale antinfiammatorio, antidolorifico e riequilibrante. Se è inizialmente diventato famoso per essere una delle chiavi di gestione per patologie epilettiche molto gravi si è poi scoperto che anche per chi è in salute ma cerca un livello superiore di benessere il CBD può essere un toccasana, è infatti un valido aiuto per la gestione dell’insonni, per stimolare l’appetito, regolare l’umore e ridare vitalità ad un corpo stanco.

Cannabis e sistema endocannabinoide

Questi termini suonano simili proprio perché i cannabinoidi presenti nella Cannabis sono vicinissimi per composizione a delle sostanze presenti e prodotte naturalmente dall’organismo umano: gli endocannabinoidi. “Endo” è l’abbreviazione di Endogeno, ovvero “ciò che avviene dall’interno”: ciò significa che i cannabinoidi introdotti nell’organismo con il consumo di prodotti derivati dalla Cannabis interagiscono con il sistema Endocannabinoide (quello deputato a recepire gli endocannabinoidi) che si dirama praticamente in tutto il corpo umano.

Perché scegliere l’olio di CBD

Senza dubbio se volete un’integrazione sostenuta di Cannabidiolo assumerlo sotto forma di olio concentrato è una scelta molto valida. Vi consentirà di avere un buon controllo sulla quantità ingerita e di essere certi di avere concentrazioni molto elevate. Inoltre gli oli al CBD sono spesso proposti con varie percentuali di diluizione, quindi potrete sperimentare dosaggi diversi ma anche con vettori di tipologie differenti: molto quotati sono quello d’oliva, di canapa o ad esempio di cumino nero… tutti oli dalle proprietà benefiche variegate che apportano ulteriore valore al prodotto contribuendo alla sua efficacia.

Attenzione all’etichetta!

Un ultimo consiglio: quando scegliete il vostro olio concentrato di CBD leggete molto bene l’etichetta. In questo caso è davvero importante scegliere un prodotto di qualità, che sia controllato e proveniente da coltivazione biologica, perché per essere davvero efficace e non avere effetti collaterali il CBD Oil deve essere lavorato e trattato con molta cura e attenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *