cannabis light news

La cioccolata crea più dipendenza della cannabis light

Il boom della cannabis light ha sollevato un vero e proprio polverone, aprendo il vaso di pandora dei perbenisti tuttologi che vedono nella pianta di canapa il germe della perdizione. Queste persone sono concentratissime a demolire un fenomeno che non comprendono e non accettano spiegazioni scientifiche, mediche o pareri di esperti del caso. Il loro cavallo di battaglia sulla pericolosità della cannabis light (e spesso anche su quella terapeutica) riguarda soprattutto il fattore dipendenza, che a loro parere (di inesperti) sarebbe a dir poco scontato in seguito all’utilizzo di quest’ultima.

Per amore di questa pianta, ma soprattutto per quello dell’informazione vogliamo affrontare il tema della presunta dipendenza da cannabis light, tanto sbandierato dai suoi detrattori, mettendo insieme pareri di esperti e studiosi che si sono formati (e non certo leggendo Facebook) sull’argomento.

Potrebbe interessarti anche:
Dal fascismo a oggi, la disinformazione contro cannabis e cannabis light

Cos’è la dipendenza chimica e psicologica

In campo medico una sostanza induce dipendenza quando la sottrazione della suddetta crea nel corpo uno squilibrio chimico che induce una risposta fisica negativa che si manifesta con i sintomi evidenti dell’astinenza: tremore, spasmi muscolari, mialgia, nausea, vomito, diarrea, innalzamento della temperatura, tachicardia, agitazione psico-motoria fino al delirio. È una sindrome molto specifica che, a seconda della sostanza abusata, si manifesta con più (oppioidi, eccitanti, alcool…) o meno (nicotina) intensità alla sospensione dell’assunzione.

Siamo però d’accordo che, oltre all’aspetto prettamente chimico, esista anche un fattore “altro”, molto più difficile da inquadrare e anche da controllare: la dipendenza psicologica.
Ma cosa determina se una sostanza o un comportamento inducono dipendenza psicologica? Cosa fa scattare nella mente di una persona una dipendenza di tipo emotivo? Nella totalità dei casi quando una sostanza scatena una reazione di dipendenza chimica si instaura automaticamente una risposta di tipo psicologico (collegata al fatto che la mente conosce il dolore indotto al corpo dall’astinenza e anche il senso di sollievo prodotto dall’abuso e vuole evitarlo). La paura di soffrire e il bisogno di trovare sollievo per il corpo portano quindi ad una dipendenza psicologica molto forte.

Ma esiste anche la dipendenza psicologica nei confronti di sostanze (o comportamenti) che non scatenano reazioni fisiche di astinenza vere e proprie ed è solitamente collegata alla reazione piacevole che consumare un prodotto induce nel nostro organismo. Solitamente questa reazione positiva non induce comportamenti disfunzionali ma, in soggetti con problemi psichiatrici, psicologici e disturbi della personalità può svilupparsi una forma di dipendenza psicologica, nei confronti di qualcosa che si reputa benefico o piacevole e del quale poi non si riesce più a fare a meno.

La cannabis come rimedio contro le dipendenze

L’opinione pubblica considera la cannabis come una sostanza ad alto rischio di dipendenza: bene questo assunto è falso e lo è ancora di più se si parla di cannabis light (dove il livello di THC è controllato e tale da non dare nel soggetto effetti psicoattivi). A livello chimico non esistono meccanismi che inducono il corpo all’abuso o che stimolano una richiesta continua di introduzione della sostanza, come ad esempio avviene per la nicotina; uno studio pubblicato nel 2013 da un gruppo di ricercatori della University of California di San Francisco ha confrontato il consumo nei giovani di cannabis (non light) e sigarette e riferisce una sostanziale difficoltà nello smettere di fumare sigarette mentre il consumo di cannabis viene affrontato dai giovani consumatori con molta più facilità.

La cannabis, piuttosto, può provocare una dipendenza di tipo psicologico proprio per il suo effetto di tipo rilassante. La cannabis light che è ricca di CBD (il cannabinoide che ha effetto distensivo, antinfiammatorio e antidolorifico) per questo motivo il cervello ne recepisce il consumo come un gesto piacevole e può indurre una voglia frequente di provare questo piacere/sollievo. Ma pensateci: non è lo stesso per un massaggio, un abbraccio della persona amata o una tavoletta di cioccolata quando ci si sente giù di morale? Certo, una persona con un equilibrio psicologico precario potrebbe abusare della cannabis light come potrebbe farlo del cioccolato, ma questo alimento è stato forse messo fuorilegge per la sua bontà? Inoltre abbuffarsi di cibi ad alto contenuto di zucchero è potenzialmente più pericoloso di sviluppare un consumo intenso di cannabis light, per la quale non sono attualmente state riscontrate controindicazioni di alcun tipo.

Pensate che addirittura negli Stati Uniti sono stati creati centri di recupero per dipendenti da oppiacei e alcool in cui le persone possono essere aiutate a superare i sintomi fisici e psicologici dell’astinenza tramite il consumo di marijuana, il cui effetto rilassante privo di controindicazioni gravi è molto più efficace e sicuro dell’utilizzo di antidolorifici e tranquillanti.

La cannabis light ha meno probabilità di creare problematiche di salute e dipendenza di quanta ne possa sviluppare un farmaco di uso comune come la tachipirina, o un alimento dolce buonissimo come appunto la cioccolata. Non lo diciamo noi, ma lo sostiene la scienza. Per chi dovesse avere ancora dei dubbi e per chi ama approfondire consigliamo la lettura di questo testo prodotto dalla National Academy of Sciences che raccoglie 10,000 report scientifici sugli effetti della cannabis in campo medico, una panoramica completa sulla letteratura scientifica riguardante la cannabis fino al 2017.

Cioccolata Crea Piu Dipendenza Della Cannabis Light

BEST SELLERS

OFFERTA
49,90 24,50
OFFERTA
45,00 27,00
35,00
OFFERTA
20,50 9,90
15,00
24,50
OFFERTA
19,90 12,00

GROWERS DEPARTMENT

RECENSIONI

5 out of 5
Cannabis Light Cbweed Critical Mass CBD - 5g
Michelangelo Pasini
5 out of 5
Cannabis Light Cbweed Critical Mass CBD - 2g
Federico

NOVITÀ

ISCRIVITI ALLA

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RIMANERE AGGIORNATO SU TUTTE LE SCONTISTICHE, LANCIO DI NUOVI PRODOTTI E TUTTE LE NOVITÀ DEL MONDO CBWEED

 
[contact-form-7 id="17483"]