Come e da chi farsi prescrivere la cannabis terapeutica

Come Da Chi Farsi Prescrivere Cannabis Terapeutica

La cannabis terapeutica è ormai da diversi anni una realtà in Italia, una possibilità medica che accende la speranza di molte persone affette da patologie croniche o problemi di salute altamente debilitanti (un esempio? L’anoressia!). Purtroppo però esistono ancora molte difficoltà pratiche quando si parla di ottenere la propria cura a base di cannabis, in primis quando si parla di ottenere la prescrizione. Ecco quindi qualche consiglio utile su come fare a richiedere la cannabis terapeutica e qualche indicazione sui centri e le associazioni specializzati nel supporto di chi è in trattamento con la cannabis.

Chi ha diritto alla cannabis terapeutica

La prima cosa da prendere in considerazione è quali sono le condizioni necessarie per ottenere prescrizione di cannabis a scopo terapeutico. Con il decreto del 9 novembre 2015 il ministero della Salute ha regolamentato la produzione nazionale e le preparazioni farmaceutiche a base di cannabis specificando anche la destinazione di questi prodotti, ovvero le patologie che possono prevedere la prescrizione di cannabinoidi.

Il testo del decreto precisa che “l’uso medico della cannabis non può essere considerato una terapia propriamente detta, bensì un trattamento sintomatico di supporto ai trattamenti standard, quando questi ultimi non hanno prodotto gli effetti desiderati, o hanno provocato effetti secondari non tollerabili, o necessitano di incrementi posologici che potrebbero determinare la comparsa di effetti collaterali.” Questa frase ci fa capire come la cannabis non sia considerata una terapia di prima scelta ma una sorta di trattamento alternativo destinato alle persone per le quali le terapie canoniche si siano dimostrate inefficaci.
Per quanto riguarda invece gli ambiti di prescrizione questi sono i casi in cui è legalmente accettata la prescrizione di cannabis terapeutica:

  • l’analgesia in patologie che implicano spasticità associata a dolore (come sclerosi multipla, lesioni del midollo spinale) resistente alle terapie convenzionali;
  • l’analgesia nel dolore cronico in cui il trattamento con farmaci canonici si sia dimostrato inefficace e anche per malattie reumatiche (artriti, osteoartrosi, fibromialgia) o neuropatie;
  • l’effetto anticinetosico ed antiemetico nella nausea e vomito, causati da chemioterapia, radioterapia, terapie per HIV, che non può essere ottenuto con trattamenti tradizionali;
  • l’effetto stimolante dell’appetito nella cachessia, anoressia, perdita dell’appetito in pazienti oncologici o affetti da AIDS e nell’anoressia nervosa, che non può essere ottenuto con trattamenti standard;
  • l’effetto ipotensivo nel glaucoma resistente alle terapie convenzionali;
  • la riduzione dei movimenti involontari del corpo e facciali nella sindrome di Gilles de la Tourette che non può essere ottenuta con trattamenti standard.

Lo stesso documento precisa che le preparazioni a base di cannabinoidi possono essere prescritte anche per altri impieghi e per l’analgesia di tutti i tipi di dolore, ma il costo resta a carico del paziente o del SSR se previsto. Le forme prescrittive sono ad oggi di due modalità: orale (decotto) o inalatoria (vaporizzatore).

Chi può prescrivere la cannabis terapeutica

Qualora lo ritenessero appropriato, il medico di base o i medici specialisti che hanno in cura il paziente possono prescrivere la cannabis medica a chi rientra nell’ambito delle patologie o problematiche di salute che abbiamo citato. Il grosso problema è che molto spesso i medici sono poco propensi a mettere mano al ricettario per questo tipo di terapia. Quindi in caso ci si trovasse davanti ad un dottore riluttante alla prescrizione ci si può rivolgere a centri specializzati che hanno maggiore confidenza con la cannabis terapeutica e che sono più disponibili alla prescrizione quando la richiesta è di natura appropriata. Per avere prescrizione, consulenza e supporto in merito alla terapia con cannabinoidi potrete rivolgervi a www.progettomedicomm.com, il primo portale di telemedicina in Italia specializzato in terapie con cannabinoidi che fornisce assistenza e supporto al paziente in vari ambiti, anche a distanza. É molto utile per chi si trova in zone d’Italia dove non esistono centri specialistici o che vuole avere informazioni sulle possibilità prescrittive la cannabis senza spostarsi da casa.
Invece il sito www.antalgika.com fondato da un gruppo di medici algologi e specializzati nella gestione del dolore anche con cannabis terapeutica, offre la possibilità di avere il contatto con professionisti del settore che conoscono e impiegano con successo le doti curative di questa pianta e che operano in varie provincie italiane. Un’ottima opportunità per trovare, magari vicino a casa, un medico specialista che possa valutare con obiettività la prescrizione di cannabis terapeutica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *