Effetti collaterali CBD: quali sono? Guida all’assunzione consapevole

Effetti Collaterali CBD Quali Sono Guida Assunzione Consapevole

Come assumere cannabidiolo in maniera del tutto sicura?

Il CBD è una molecola naturale derivata dalla pianta della cannabis, un cannabinoide dalle grandi potenzialità curative. Per le sue doti di antinfiammatorio, antiossidante, antidolorifico e regolatore dell’umore è altamente consigliato come integratore alimentare e per il trattamento di diverse patologie, ma può avere effetti collaterali?

Il CBD ha avuto tantissimo successo negli ultimi anni per le sue potenzialità in ambito medico, per il trattamento dei sintomi di diverse patologie e problemi di salute. È stato studiato in modo intensivo insieme ad altre sostanze estratte dalla cannabis e sono disponibili tante ricerche scientifiche interessanti sulle sue funzionalità. Senza ombra di dubbio gli integratori a base di CBD come l’olio concentrato o le infiorescenze ad alto tenore di cannabidiolo, offrono molti vantaggi e possono essere utilissime per risolvere o dare sollievo da tante patologie.

Molte persone però si preoccupano giustamente dei possibili effetti collaterali. Per prima cosa vi confermiamo quello che troverete scritto su ogni confezione di prodotto a base di CBD: questo cannabinoide non è psicoattivo e, a differenza del THC, non può dare effetti simili a sballo o confusione mentale, inoltre non è classificato come sostanza stupefacente. Il cannabidiolo, assunto per via orale e in modo appropriato, negli adulti è classificato come prodotto sicuro. Le dosi di CBD fino a 300 mg al giorno (un dosaggio molto alto) sono state testate e confermate come idonee alla somministrazione per un massimo di 6 mesi. Mentre dosi più elevate sono consigliate solo per periodi più ridotti.

Il CBD, in linea generale, è un prodotto che non scatena effetti indesiderati importanti, ampiamente studiato ed entro le dosi consigliate non sono mai stati riportati fenomeni avversi di tipo grave. Come altre sostanze che potreste introdurre nel vostro organismo, anche il CBD ha però controindicazioni ed effetti collaterali. Sono tutti di entità leggera e molto meno importanti di quelle della maggior parte dei farmaci di uso quotidiano, è giusto comunque conoscerli prima di decidere se assumere o meno questo integratore.

Gli effetti indesiderati del CBD

Bocca secca

Questo è un effetto molto comune del consumo di cannabis, una sensazione di bocca impastata che trova sollievo bevendo una bibita e mangiando qualcosa. La secchezza delle fauci è dovuta a una diminuzione della secrezione salivare dovuta dalla presenza di recettori endocannabinoidi presenti nelle ghiandole salivari che, a causa dell’interazione con il CBD, modificano la loro regolare attività in modo provvisorio. Non è pericoloso per la salute, ma solo una sensazione fastidiosa assolutamente transitoria.

CBD e Parkinson

Alcuni studi clinici suggeriscono che l’utilizzo di olio di CBD in pazienti affetti da Parkinson possa portare a un peggioramento dei sintomi se consumato in quantità molto elevate. Parallelamente il cannabidiolo è stato testato con ottimi risultati in quantità moderate su pazienti affetti da questa malattia ed è risultato un valido aiuto in molti casi, gli studi clinici quindi continuano per valutare quale sia il bilanciamento rischio-beneficio dell’utilizzo di cannabinoidi per la cura del morbo di Parkinson.

Interazione con altri farmaci e alterazione dell’assorbimento

Una questione da tenere in considerazione è la possibilità che, se state assumendo altri farmaci, il CBD possa influenzare il modo in cui il corpo li processa fino a modificarne l’assorbimento. Quindi se assumente farmaci rivolgetevi al vostro medico prima di assumere CBD. Non sono note altre interazioni avverse con altri farmaci.

Cali pressori

Assumendo una dose giornaliera superiore a quella consigliata esiste la possibilità di subire cali pressori anche importanti. Si tratta comunque di effetti provvisori, solitamente immediatamente successivi all’assunzione della dose di CBD.

Spossatezza

In alcune persone l’olio di CBD può causare spossatezza, soprattutto se assunto in dosaggi alti. In questo caso consigliamo di assumerlo in un momento tranquillo della giornata, magari prima di coricarsi.

Diarrea

Alcune persone hanno manifestato diarrea, ma solo in sperimentazioni a dosaggi molto elevati di CBD.

Aumento di appetito

L’assunzione di CBD per lunghi periodi può stimolare l’appetito e portare ad un aumento di peso.

Attenzione al dosaggio e alla qualità del vostro CBD

Abbiamo visto che gli effetti collaterali e le precauzioni da prendere quando si assume CBD sono irrisorie rispetto a quelle che potremmo leggere nel bugiardino di un comune farmaco da banco. Il CBD è quindi un prodotto privo di effetti collaterali importanti quando utilizzato da persone in salute e nei giusti dosaggi. Attenzione però a comprare sempre integratori di alta qualità, che siano certificati come prodotti sicuri e che riportino sull’etichetta la concentrazione e la composizione specifica.

 

PRODOTTI CONSIGLIATI

 

Esaurito
Esaurito
Esaurito
Esaurito
Esaurito
Esaurito
Esaurito
Esaurito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *