Cannabis Light Terapeutica

Rosacea e infiammazioni cutanee: come curarsi con il CBD

È stato dimostrato da moltissimi studi che il cannabidiolo nasconda doti terapeutiche, alcune sono ormai note mentre altre ancora devono essere scoperte o confermate. Le sue proprietà antinfiammatorie sono già certezza e molte aziende cosmetiche hanno pensato di utilizzarle per creare lozioni e creme in grado di trattare molte patologie cutanee infiammatorie, una di queste è la rosacea.
Il CBD si presta benissimo ad essere usato come principio attivo per preparati topici ma può agire sulla cute anche quando assunto attraverso altre modalità di somministrazione. Quando si parla di ridurre le risposte infiammatorie funziona sia per il miglioramento generale delle condizioni sia per la risoluzione di sintomi specifici. Ecco perché questo composto derivante dalla cannabis può fare molto bene a chi soffre di rosacea.

CBD e infiammazioni della pelle

Le infiammazioni sono la causa principale o l’evidenza di molti problemi cutanei come l’acne, l’ eczema e la rosacea. I cannabinoidi, in particolare il cannabidiolo, hanno il potere di lenire, ridurre il gonfiore, le irritazioni e il dolore ma anche di rendere la pelle più resistente ad altri episodi infiammatori. In pratica la cute contiene dei ricettori speciali chiamati TRPV-1 che sono responsabili di buona parte dell’aspetto percettivo delle irritazioni (come pizzicore, prurito, calore, dolore). Alcune ricerche hanno dimostrato che il CBD ha la capacità di legarsi ai ricettori TRPV-1 e limitare la risposta percettiva che segnala il problema cutaneo al nostro cervello.

Caratteristiche della rosacea

La rosacea è solo una delle patologie cutanee per la quale il CBD può essere molto efficace ma è anche una di quelle per la quale ha dimostrato di essere più promettente. Questo disturbo non è solo fisicamente molto fastidioso ma anche decisamente impattante nella vita di tutti i giorni. È una patologia tipicamente femminile che colpisce la cute del viso, è molto incline a cronicizzare e si manifesta con la comparsa di chiazze rosacee molto evidenti su buona parte del volto. Questa variazione anomala di colore è causata da una dilatazione dei vasi sanguigni e da una forma infiammatoria intensa che tocca gli strati più superficiali del derma.
Chi soffre di rosacea spesso è anche tendente a squilibri ormonali, inoltre questa situazione è più comune in chi un incarnato e occhi chiari. Le zone più colpite sono le guance e il naso ma in casi più gravi il rossore si estende anche al resto del volto, alle orecchie e al torace. Quando l’area compromessa si avvicina agli occhi la situazione può diventare molto pericolosa portando a complicanze anche gravi.
Oltre ad un rossore anomalo la rosacea porta spesso allo sviluppo di pustole e alla rottura evidente dei capillari, a livello percettivo si può sentire forte calore, tensione della pelle, pizzicore ma anche vero e proprio dolore. Una diagnosi precoce della malattia porta ad un migliore controllo del problema grazie ad una terapia mirata ma purtroppo spesso il problema cronicizza o si presenza ad intermittenza nei momenti in cui il corpo è più sotto stress.

Curare la rosacea con il CBD

Attualmente non esistono terapie specifiche risolutive contro la rosacea, ma molti professionisti consigliano un connubio di farmaci, prodotti naturali, topici e uno stile di vita particolare per tenere sotto controllo i fenomeni infiammatori. Il CBD è una cura naturale che aiuta in diversi contesti: riduce l’infiammazione in atto, lenisce in caso di dolore o fastidio, aiuta a ripristinare la pelle lesa e a limitare gli inneschi infiammatori. Anche quando la patologia è sotto controllo il cannabidiolo svolge un compito molto importante: questa molecola non psicoattiva della cannabis ha un prezioso effetto nutriente e ricostituente dei tessuti cellulari, è una naturale promotrice del lavoro di acidi grassi omega-3, omega-6 e acido linoleico, che sono elementi nutritivi preziosissimi per la pelle poiché ne stimolano la rigenerazione, alimentano la sua naturale barriera lipidica e aumentano l’efficacia delle fibre di elastina garantendo una pelle sana e forte capace di resistere meglio agli stress.
Le modalità in cui si può assumere il CBD per la rosacea sono tante, un preparato cutaneo ricco di questo principio attivo agisce a livello locale, un concentrato assunto per bocca aiuta in modo sistemico a gestire le infiammazioni, usare detergenti delicati al CBD serve a tenere la pelle pulita senza danneggiarla evitando di scatenare reazioni. Per altri motivi la cannabis può essere utile a chi soffre di patologie cutanee evidenti come la rosacea, in particolare può aiutare a superare gli stati depressivi e ansiosi che la malattia può innescare in chi è spaventato dalla diagnosi o chi soffre di scarsa accettazione di sé. Gli effetti psicologici della rosacea sono purtroppo molto difficili da gestire e spesso condizionano la vita sociale di chi ne soffre in modo molto profondo, come abbiamo raccontato in questo articolo la cannabis ricca di CBD può migliorare lo stato d’umore e aiutare a ritrovare la voglia di socializzare anche quando ci si trova in una situazione difficile.
ROSACEA-CBD

BEST SELLERS

OFFERTA
49,90 24,50
OFFERTA
45,00 27,00
35,00
OFFERTA
20,50 9,90
15,00
24,50

GROWERS DEPARTMENT

RECENSIONI

5 out of 5
Cannabis Light Cbweed Critical Mass CBD - 2g
Federico

NOVITÀ

ISCRIVITI ALLA

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RIMANERE AGGIORNATO SU TUTTE LE SCONTISTICHE, LANCIO DI NUOVI PRODOTTI E TUTTE LE NOVITÀ DEL MONDO CBWEED

 
[contact-form-7 id="17483"]