Tè alla cannabis light, come farlo in casa conservando tutti i gli effetti del CBD

Te Cannabis Light Come Farlo Casa Conservando Effetti CBD

Sempre più persone si interessano ai benefici che il consumo di cannabis light può apportare alla salute, ma qualcuno preferisce assumerla in modo alternativi ai metodi più tradizionali. Un esempio gradito a molti che permette di godersi un momento di piacevolissimo relax è scegliere tisane a base di cannabis. Infatti consumare un tè alla marijuana legale fatto come si deve può essere un’ottima modalità di assunzione di cannabinoidi rilassanti come il CBD, presente in dosaggi considerevoli nella cannabis legale.

In tanti si affidano alla creazione di tisane e decotti per assicurarsi una buona digestione o per facilitare il sonno, ma oggi oltre a zenzero, melissa e alloro c’è la possibilità di avere un nuovo ingrediente chiave che può essere consumato come bevanda calda per ottenere un effetto calmante. Tè e tisane preparate con la cannabis light contengono un dosaggio davvero bassissimo di THC, il principio attivo psicotropo presente nella cannabis che provoca sballo. Invece è garantita la presenza di CBD, il cannabidiolo, molecola della cannabis dalle proprietà curative e rilassanti, la cui assunzione può aiutare chi ha disturbi del sonno, chi soffre di dolori cronici e infiammazioni ma anche favorire il rilassamento per persone ansiose o depresse. Consumare una tisana a base di cannabis light può essere dunque un’alternativa efficace all’assunzione di farmaci o un ulteriore ausilio per chi non si sente in forma e ha bisogno di una buona dose di relax naturale.

Oltretutto il consumo per ingestione di marijuana light ha in generale effetti diversi rispetto all’assunzione per combustione (che noi di CBWeed non consigliamo), perché quando i cannabinoidi vengono assimilati con la digestione si ha un effetto ritardato (tra 30 minuti e 1 ora) ma decisamente più prolungato nel tempo visto che gli effetti rilassanti di una tazza di tè alla cannabis possono durare anche 8 ore di tempo, l’ideale per una notte di piacevolissimo sonno.

Potrebbe interessarti anche:
Mangiare semi di canapa: le proprietà di un integratore alimentare naturale

Il tè alla cannabis, una bevanda spirituale

Le bevande alla cannabis hanno origini antiche, ma in generale venivano nell’antichità consumate in diverse parti del mondo per scopi di tipo rituale e religioso, ovviamente con dosaggi molto potenti di CBD e THC. La cultura indiana fu tra le prime ad elaborare il proprio personale infuso a base di cannabis, ovvero il noto Bhang, che era un tempo la bevanda spirituale esclusiva di religiosi e sciamani. Il Bhang consiste in una pasta ottenuta da cime, foglie e semi di piante di canapa che venivano miscelati con latte e ghee (burro chiarificato). Perché l’utilizzo del burro e del latte? Perché già in antichità il popolo indiano aveva scoperto che i cannabinoidi non sono solubili in acqua ed è quindi necessario utilizzare ingredienti dagli alti contenuti di grasso per poter usufruire appieno dei suoi effetti benefici sotto forma di infuso.

I benefici dell’assunzione alimentare di canapa

La cannabis è notoriamente un potente analgesico, anche la versione light e legale delle infiorescenze è efficace nel lenire i dolori causati da stati infiammatori grazie al suo elevato contenuto di cannabinoidi. Per questo consumarla è l’ideale per chi soffre di artrite e dolori muscolari e vuole sperimentare una gestione del dolore più completa e naturale possibile. Il tè fatto con la cannabis è sicuramente un metodo ottimale di assunzione con scopo antidolorifico per i suoi effetti più prolungati e costanti.

La presenza invece di recettori di cannabinoidi nel tratto digestivo fa si che il consumo alimentare di cannabis light sia un vero toccasana per chi ha problemi digestivi e sente stomaco ed intestino infiammato ed irritato.

Per quanto riguarda ansia e depressione possiamo assicurare che per molte persone il consumo di tè alla marijuana è molto utile per superare momenti di particolare stress e che questa bevanda può essere un valido aiuto per conciliare il sonno notturno, spesso molto problematico per chi soffre di disturbi dell’umore.

Come fare il tè con la cannabis light

Troverete in rete tantissime ricette per preparare il té alla cannabis, ma spesso eccessivamente e inutilmente elaborate: una versione semplice e veloce consiste nel cuocere a fiamma bassa cime spezzettate e foglie di cannabis light con burro per 15 – 20 minuti (attenzione a non bruciare il composto o distruggerete i preziosi cannabinoidi durante il processo). Una volta ultimata la cottura pestate in un mortaio il composto ottenuto e fatelo raffreddare in una forma in silicone formando un piccolo panetto di burro alla cannabis che potrete conservare a lungo in frigorifero o freezer. A questo punto quando farete il vostro tè o la vostra tisana serale potrete aggiungere un quantitativo a vostro piacere di burro nell’acqua calda per godervi ogni volta che volete una preziosa scorta di tè o tisana alla cannabis.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *