Storia e caratteristiche della Cannabis Haze e del suo high energizzante

Storia Caratteristiche Cannabis Haze High Energizzante

Le infiorescenze di cannabis Haze sono famose in tutto il mondo: questa varietà di Sativa è molto amata da chi desidera un high potente e persistente ma che, invece di incollarci al divano e stordire, regali una piacevole sensazione di energia.

Vediamo insieme le caratteristiche e la storia di questa rinomato rinomato strain di sativa dalle tante varianti.

Il bouquet della Haze è molto caratteristico, ha toni pungenti ma anche fruttati e dolciastri con decise note speziate – terrose. Ma la sua caratteristica più nota riguarda il ciclo vitale della pianta che è famosa per avere un fioritura talmente lunga da scoraggiare molti growers. Si parla infatti di sedici lunghe settimane da attendere per la raccolta.

Insomma la haze è una genetica che richiede pazienza e anche molta cura ma i risultati ottenuti sono solitamente appaganti.

Approfondimento: le migliori genetiche energizzanti e stimolanti

Storia della genetica Haze

Le origini della prima Haze non sono certe ( la fonte è nientemeno che l’esperto di genetiche “Sam the Skunkman”) ma pare che i responsabili siano stati i noti “Haze Brothers”, due fratelli coltivatori con base in California che, sperimentando incroci casuali (non noti), diedero vita a questo strain. I semi di Haze vennero inizialmente poco apprezzati per i suoi tempi dilatati di fioritura e rischiarono l’estinzione finché l’olandese Neville Schoenmakers, una leggenda nel mondo della cannabis, ne venne in possesso e decise di approfondirne le qualità per poi inserirli a pieno titolo nella propria seed bank. Da allora in molti hanno imparato ad apprezzare queste infiorescenze e nel tempo ne sono state create tantissime varianti, alcune delle quali vincitrici di prestigiosi premi.

Gli ibridi Haze più famosi

A partire dalla Haze a da altre genetiche sono nati moltissimi ibridi interessanti che hanno velocemente conquistato il mercato della cannabis per tratti genetici di sativa marcati come un high potente ma non sedativo. Ecco tre eccellenti esempi dell’illustre progenie di questo strain poderoso.

Super Silver Haze

Il nome più prestigioso della famiglia Haze è certamente quello della Super Silver Haze, un ibrido a prevalenza sativa ma con tratti di indica nato negli anni ’90 da genitori illustri: Haze, Northern Lights #5 e Skunk #1. La Super Silver Haze, con il suo 21% di THC e le sue cime dense è molto apprezzata anche per la produzione di hashish di qualità.

La particolarità di questa genetica è che il suo high è duraturo ed efficiente ma non dà sonnolenza, anzi stimola all’attività e alla concentrazione. Per questo motivo è considerata una delle migliori genetiche per il fumo diurno. Anche a livello di aromi sa distinguersi, è infatti piuttosto pungente e terrosa come ogni Haze che si rispetti.

Super Lemon Haze

Chi ama le cime giganti ottiene dalla Super Lemon Haze le migliori soddisfazioni. Questo incrocio ha origine dalla Lemon Skunk e dalla Super Silver Haze e ha velocemente calcato le scene fino a diventare un colosso vincitore di numerosi premi. La genetica si eleva per i suoi fiori meravigliosi, densi e ricchi di resina dagli aromi agrumati e fioriti con un tocco di vaniglia. I suoi alti livelli di THC danno forti effetti cerebrali che stimolano la creatività e garantiscono una certa reazione euforica sin dai primi tiri. A livello di coltura garantisce ottime rese e piante giganti, soprattutto quando coltivata all’aperto.

Amnesia Haze

Anche questa Haze è a predominanza Sativa ed è altamente energizzante ricca di THC (22%). Il suo nome è una garanzia per chi cerca un’esperienza psichedelica intensa e complessa in grado di risvegliare i sensi, stimolare il nostro lato artistico e far sognare ad occhi aperti. Volete fare un bel viaggio e dimenticare le vostre preoccupazioni?
L’Amnesia Haze è certamente quel che fa per voi, infatti è molto utilizzata a livello terapeutico da chi soffre di depressione o disturbi da stress post traumatico. Data la ricchezza di tricomi e la grandezza/densità delle infiorescenze è un’ottima scelta per la produzione di hashish e resine. Se siete dei golosi i suoi toni agrumati e apprezzate una fumata vellutata queste cime faranno letteralmente impazzire, ma attenzione perchè con l’Amnesia Haze (famosa tentatrice) è facile esagerare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *