Coltivare Cannabis Light in casa: le talee, piante dall’eccellenza certificata

Come Coltivare Cannabis Light Casa Talee

Forse non tutti sanno che, quando si decide di lanciarsi nella coltivazione di Cannabis legale, si hanno due opzioni: si può scegliere di partire dalle piante o dai semi. Ovviamente per essere certi di non incorrere in problemi legali e rispettare le regole europee e italiane, è necessario scegliere sempre semi o piante certificate; infatti in Italia è legale coltivare solamente varietà di canapa che hanno ottenuto una certificazione a livello europeo e che sono tra le tipologie indicate in un elenco stilato dall’UE. Se le sementi devono rispondere al criterio principale di avere un contenuto di THC che non superi lo 0,2%, secondo la legge italiana sulla pianta di canapa adulta la percentuale di THC può (in caso di test) risultare inferiore o uguale a 0,6% senza comportare problemi legali per il coltivatore.

Seguendo queste semplici norme potrete tranquillamente scegliere di coltivare a casa vostra piante di Cannabis Light in modo totalmente legale ma per iniziare dovrete scegliere se optare per semi da piantare o talee di canapa già in crescita.

Potrebbe interessarti anche:
Coltivare cannabis light in Italia: quando, perché e come farlo legalmente

Cosa sono le talee? Perché vengono scelte da molti coltivatori autonomi?

Le talee di canapa sono piccoli pezzi recisi di pianta adulta che hanno sviluppato le proprie radici e possono pertanto dare origine a un nuovo individuo che (condividendo in tutto e per tutto il dna della pianta madre) avrà le stesse identiche caratteristiche della pianta dal quale è stato replicato in una sorta di elementare clonazione vegetale.

Perché scegliere di coltivare le talee di Cannabis Light?

Coltivare talee di Cannabis è un processo abbastanza semplice e può offrire molti vantaggi. Partendo da talee è possibile infatti con pochi sforzi ed accortezze far crescere le piantine sane e vigorose fino ad avere le preziose infiorescenze. In questo caso a differenza dei semi avrete la certezza che le piante “clonate” avranno le caratteristiche perfette della pianta certificata che avrete acquistato in negozio, il cui corredo genetico è stato selezionato da esperti del settore tra gli esemplari di pianta madre migliori. La pianta madre viene cresciuta e selezionata appositamente per prelevare talee, stimolando con 18 ore di luce al giorno la sua crescita e prelevando numerosi cloni. Da queste, che non raggiungono mai la fioritura, si ottengono talee eccezionali in termini di crescita, aromi e contenuto di cannabinoidi.
Esperienza, e un’attenta selezione nella procedura rigenerativa, garantiscono la crescita di piante di cannabis light 100% femmine e con fiori molto ricchi in cannabidiolo, ovvero il prezioso CBD. È molto importante, per avere un prodotto eccellente, rivolgersi a rivenditori che garantiscano l’utilizzo di tecniche di agricoltura di tipo biologico dove non avvenga l’utilizzo di pesticidi, metalli pesanti o altre sostanze dannose per l’uomo e l’ambiente.

Come Coltivare Cannabis Light Casa Talee

Come curare le talee di Cannabis Legale per ottenere infiorescenze perfette

Le talee possono essere cresciute sia outdoor che indoor con ottimi risultati e seguendo poche semplici regole. Considerate che in Italia (soprattutto dove l’inverno è solitamente rigido) il periodo ideale per le colture outdoor va da aprile a settembre.

Procedimento consigliato per coltura outdoor di talee per la cannabis light:

  1. Travasare la pianta in un vaso più ampio con terra a PH 6,5
  2. Irrigare generosamente e posizionare la pianta in terrazzo o giardino scegliendo un luogo abbastanza illuminato
  3. Dopo una settimana dal rinvaso si può cominciare a potare la pianta quando necessario, limitando la crescita in altezza per consentire lo sviluppo di diverse ramificazioni e ottenere più cime possibili (potatura topping)
  4. La pianta di Cannabis ha la propria fase vegetativa da marzo a luglio mentre a estate inoltrata, con il diminuire delle ore di luce, inizia la fioritura che continua fino ad ottobre
  5. Per valutare il momento più corretto per la raccolta bisogna controllare lo stadio di sviluppo del fiore che va raccolto nel momento in cui diventa evidente la sfumatura color arancio dell’infiorescenza

Procedimento consigliato per coltura indoor di talee per la cannabis light:

  1. Travasare la pianta in un vaso più ampio con terra a PH 6,5.
  2. Irrigare generosamente e posizionare sotto apposite lampade MH oppure LED
  3. Dopo una settimana dal rinvaso si può cominciare a potare la pianta quando necessario, limitando la crescita della pianta in altezza per consentirle di sviluppare diverse ramificazioni e ottenere più cime possibili (potatura topping)
  4. In fase vegetativa tenere la pianta ad un ciclo di 18 ore di luce e 6 ore di buio per almeno 3 settimane
  5. Al termine della fase vegetativa bisogna impostare il ciclo luce/buio a 12/12 ore.
  6. Dopo circa 6 settimane il fiore inizierà a maturare e quando la peluria bianca che lo ricopre assumerà un tono arancione l’infiorescenza sarà pronta per la raccolta

Il modo migliore per innaffiare le talee di Cannabis

Per avere un risultato ottimale durante l’irrigazione delle talee in vaso è importante che l’acqua penetri nel contenitore, attraversi la terra e poi fuoriesca dal fondo tramite i fori di scolo (evitando ristagni). Prima della successiva innaffiatura il terreno deve avere modo di asciugarsi completamente ma la terra non deve restare secca troppo a lungo anche se è sempre meglio che il terreno sia leggermente secco piuttosto che perennemente bagnato.

Si ringrazia per le foto CBWeed Torino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *