Quando raccogliere la cannabis: i segnali del momento migliore

Quando Raccogliere Cannabis Segnali Momento Migliore

Dopo mesi passati a curare le piante di cannabis vi troverete davanti ad una scelta difficile: raccogliere o non raccogliere? Questo è uno dei momenti più importanti di tutta la produzione, perché muoversi al momento sbagliato potrebbe significare ottenere un prodotto scadente. Cosa ci dice che è arrivato il momento di intervenire? Ecco quali sono i segnali che indicano che il momento della raccolta è arrivato!

Cesoie alla mano osservate le vostre piante e vi chiedete: starò facendo la cosa giusta? La verità è che non ci sono nozioni universali che definiscano il momento migliore per raccogliere le infiorescenze e predisporle per l’essiccazione e la concia. Molto dipende dalla tipologia della pianta stessa e dall’effetto che si vuole ottenere dalle proprie piante (una preponderanza di effetti sedativi o psicoattivi). Per la cannabis autofiorente i tempi di raccolta sono generalmente fedeli alle tempistiche indicate dal produttore dei semi, per le altre varietà il momento giusto può variare di diversi giorni.
La cosa più importante è non avere fretta e osservare.
Per sapere cosa cercare quando si va a caccia dei segni della pronta maturazione delle cime è necessario conoscere la propria pianta ed effettuare ogni giorno un’ispezione approfondita per essere sicuri che i fiori siano davvero pronti per essere raccolti e garantire una qualità ottimale del raccolto.

Cosa succede se si raccoglie la canapa troppo presto? Semplice, le vostre infiorescenze non saranno al loro massimo e potrebbero risultare molto blande, sia come aroma che come concentrazione di cannabinoidi.

Cosa succede se si raccoglie la cannabis troppo tardi? I cannabinoidi potrebbero essere soggetti a deterioramento e risultare egualmente poco efficaci, soprattutto il THC.

Per capire quando il momento della raccolta è effettivamente giunto dovrete riconoscere questi cambiamenti nelle vostre piante:

  • Le foglie più grandi tendono a perdere lucentezza e ingialliscono

Osservate la parte esterna delle piante, le sue grandi foglie a ventaglio… notate qualcosa di strano? Quando le foglie a ventaglio cambiano colore (passando da un verde acceso al giallognolo) significa che la pianta sta dirottando tutte le sue energie (sotto forma di nutrienti) verso i fiori, che con tutta probabilità inizieranno ad essere belli grandi e vistosi. Questo è il primo segno che il giorno della raccolta è vicino. Attenzione perché se questo accade lontano dalla data prefissata per la raccolta potrebbe essere un chiaro indice di problematiche in corso come parassitosi, funghi o malnutrizione.

  • I pistilli diventano ben visibili e cambiano colore

I pistilli sono piccolissimi filamenti che si trovano sulle cime di cannabis, una serie di peletti dritti che, quando arriva il momento giusto, diventano belli evidenti e si mettono in mostra spuntando prorompenti dai calici. Quando i pistilli non sono ancora maturi sono prevalentemente bianchi, nel momento in cui giungono a maturazione iniziano a cambiare colore passando da essere chiari ad assumere toni accesi come l’arancio, il marrone o il rosso. Più i fiori sono maturi e più i pistilli passano dal bianco al colorato. La fase di raccolta non dovrebbe essere fatta quando la maggioranza dei pistilli non ha virato colorazione, perché più pistilli sono andati incontro a questo cambiamento e più si è certi di aver ottenuto un livello di cannabinoidi accettabile. Diciamo che una percentuale adatta alla raccolta deve superare il 60% dei pistilli colorati. Detto questo è importante sapere che non sempre la variazione di colore dei pistilli è da considerare affidabile, perché spesso cambiamenti climatici (soprattutto di umidità) possono accelerare o rallentare il processo di colorazione senza che la pianta sia effettivamente pronta per la raccolta delle cime.

  • I tricomi diventano da trasparenti a bianchi

Il dato un po’ più complesso da tenere in considerazione è la mutazione dei tricomi, ma è anche quello che meglio indica che si deve procedere alla raccolta. Ma vediamo prima cosa sono esattamente i tricomi: anche in questo caso parliamo di una serie di peletti (detta più scientificamente una struttura pilifera) invisibili a occhio nudo, microscopici e ricchissimi di aromi, THC e CBD. Bisogna fare attenzione a non confonderli con i pistilli (di cui abbiamo parlato prima) che sono altre strutture filamentose invece visibili ad occhio nudo come capelli sottili che si estendono a partire dai calici.
Come abbiamo detto i tricomi sono microscopici e non si vedono ad occhio nudo, per questo motivo per osservarne i cambiamenti è d’obbligo utilizzare una lente di ingrandimento o un microscopio. Guardandoli con la lente d’ingrandimento, ci si accorgerà che a un certo punto i tricomi passano da essere trasparenti a essere bianchi per poi virare su toni ambrati. La colorazione bianca indica che i cannabinoidi sono sviluppati ed è arrivato il momento di raccogliere le infiorescenze. Se i tricomi diventano in toto ambrati potrebbe essere passato il momento migliore per una raccolta di infiorescenze ricche di THC, mentre il livello di CBD potrebbe essere al suo massimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *