USA: sì alla ketamina, no alla cannabis per i veterani di guerra

USA si ketamina no cannabis veterani guerra

I veterani di guerra potranno ora fare uso di un particolare preparato medico a base di ketamina che, nonostante l’efficacia, provoca molti più effetti collaterali della cannabis.

La sconvolgente decisione è stata presa dal U.S. Department of Veterans Affairs per combattere i casi di autolesionismo e suicidio diffusi tra le forze armate.

Il primo preparato farmaceutico a base di ketamina, chiamato Spravato, ha ricevuto il via libera da parte di FDA (U.S. Food and Drug Administration) per il trattamento della depressione.
Il medicinale sarà considerato una sorta di “ultima spiaggia” per i veterani che abbiano mostrato resistenza a tutti gli altri farmaci alternativi .
I pazienti dovranno rimanere sotto stretta osservazione di un esperto per le due ore successive all’assunzione.

Originariamente utilizzata come un tranquillante per animali e successivamente diventata popolare come droga “da sballo”, la ketamina (come il suo ingrediente principale, l’esketamina) è un potente anestetico con effetti euforizzanti e psichedelici.
Anche a dosi molto molto basse, la sostanza provoca effetti psicotropi che conducono il consumatore in uno stato di simil-ipnosi.

“Siamo contenti di poter offrire un’ulteriore opzione ai veterani affetti da depressione che non siano stati in grado di trovare giovamento con nessun altro trattamento” ha affermato Robert Wilkie, segretario del Dipartimento dei Veterani, tramite un comunicato.
“Ci impegniamo costantemente per poter offrire ai nostri veterani di guerra il miglior servizio sanitario possibile”.

I trattamenti a base di ketamina sono disponibili da tempo in formati generici in tutti gli Stati Uniti, ma con la commercializzazione di Spravato, a marzo di quest’anno, la ketamina ha ottenuto un’approvazione generale da parte della società mai raggiunta prima.
Per alcuni veterani, già abituati all’assunzione di ketamina, l’introduzione del medicinale non ha fatto altro che rimarcare la posizione retrograda del Department of Veterans Affairs sulla cannabis.

“La ketamina è la sostanza più efficace che abbia mai assunto per contrastare i pensieri suicidi, ma non è un farmaco che si può assumere a lungo termine. Sono diventato dipendente e lo sono rimasto per quattro anni” racconta Sean Kiernan, presidente della Weed For Worriors Project, un’associazione di veterani che lotta sostegno della cannabis come rimedio.

“Il pericolo della ketamina sono gli effetti collaterali. Ben tre chirurghi mi hanno detto che avrei dovuto farmi asportare la cistifellea. La mia domanda è, come mai accettiamo un prodotto del genere, sapendo cosa provoca, e neghiamo l’uso del THC, che non è nemmeno paragonabile in termini di pericolosità? Non ha senso, è pura ipocrisia” ha continuato Kiernan.

Anche negli stati USA dove è attualmente legale, i Veterans Affairs continuano a negare agli ex soldati l’accesso alla marijuana medica.

Spravato è disponibile nelle strutture mediche della VA in tutta la nazione; gli ingenti costi del farmaco sono interamente coperte dall’agenzia federale.

Questo elemento è stato inserito in News. Aggiungilo ai segnalibri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *